GIOVANNI

Io credo, SIGNORE!

9.1

Passando vide un uomo

cieco dalla nascita

e i suoi discepoli lo interrogarono:

<< RABBI', chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché egli nascesse cieco? >> .

Rispose GESU':

<< Ne' lui ha peccato né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui

le opere di DIO.

Dobbiamo compiere le opere di colui

che mi ha mandato finchè è giorno; poi

viene la notte, quando nessuno può più operare. Finchè sono nel mondo ,

sono la luce del mondo>>.

Detto questo

sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco

e gli disse:

<< Va' a lavarti nella piscina di Siloe

(che significa Inviato) >> .

Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, poiché era un mendicante, dicevano:

<< Non è egli quello

che stava seduto a chiedere l'elemosina? >> . Alcuni dicevano: << E lui >> ;

altri dicevano: << No, magli assomiglia >> .

Ed egli diceva: << Sono io! >> .

Allora gli chiesero:

<< Come dunque ti furono aperti gli occhi? >> . Egli rispose:

<< Quell'uomo che si chiama GESU' ha fatto del fango, mi ha spalmato gli occhi e mi ha detto: Va' a Siloe e lavati!

Io sono andato e, dopo essermi lavato,

ho acquistato la vista >> .

Gli dissero: << Dov'è questo tale? >> .

Rispose: << Non lo so >> .

Intanto condussero dai farisei

quello che era stato cieco:

era infatti sabato il giorno in cui GESU' aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi.

Anche i farisei gli chiesero di

nuovo come avesse acquistato la vista.

Ed egli disse loro:

<< Mi ha posto del fango sopra gli occhi,

mi sono lavato e ci vedo >> .

Allora alcuni dei farisei dicevano:

<< Quest'uomo non viene da DIO,

GIOVANNI

perché non osserva il sabato >>.

Altri dicevano:

<< Come può un peccatore

compiere tali prodigi? >> .

E c'era dissenso tra di loro.

Allora dissero di nuovo al cieco:

<< Tu che dici di lui,

dal momento che ti ha aperto gli occhi? >> .

Egli rispose:<< E' un profeta! >> .

Ma i Giudei non vollero credere di lui che

era stato cieco e aveva acquistato la vista,

finchè non chiamarono i genitori di colui

che aveva ricuperato la vista.

Eli interrogarono:

<< E' questo il vostro figlio, che voi dite

esser nato cieco? Come mai ora ci vede? >> .

I genitori risposero:

<< Sappiamo che questo è il nostro figlio

e che è nato cieco;

come poi ora ci veda, non lo sappiamo,

né sappiamo chi gli ha aperto gli occhi; chiedetelo a lui,

ha l'età, parlerà lui di se stesso >> .

Questo dissero i suoi genitori,

perché avevano paura dei Giudei;

infatti i Giudei avevano già stabilito

che, se uno lo avesse riconosciuto come il CRISTO, venisse espulso dalla sinagoga.

Per questo i suoi genitori dissero:

<< Ha l'età, chiedetelo a lui! >> .

Allora chiamarono di nuovo l'uomo

che era stato cieco e gli dissero:

<< Da' gloria a DIO!

Noi sappiamo che quest'uomo è un peccatore >> . Quegli rispose:

<< Se è un peccatore, non lo so; una cosa so: prima ero cieco e ora ci vedo >> .

Allora gli dissero di nuovo:

<< Che cosa ti ha fatto?

Come ti ha aperto gli occhi? >> .

Rispose loro:

<< Ve l'ho già detto e non mi avete ascoltato; perché volete udirlo di nuovo? Volete

forse diventare anche voi suoi discepoli? >> .

Allora lo insultarono e gli dissero:

<< Tu sei suo discepolo,

noi siamo discepoli di Mosè!

Noi sappiamo infatti che a Mosè ha parlato DIO; ma costui non sappiamo di dove sia >> .

GIOVANNI

Rispose loro quell'uomo:

<< Proprio questo è strano, che voi non sapete di dove sia, eppure mi ha aperto gli occhi.

Ora, noi sappiamo che DIO non ascolta i peccatori, ma se un è timorato di DIO

e fa la sua volontà, egli lo ascolta.

Da che mondo è mondo, non s'è mai sentito dire che uno abbia aperto gli occhi a un cieco nato.

Se costui non fosse da DIO,

non avrebbe potuto far nulla >> .

Gli replicarono:

<< Sei nato tutto nei peccati

e vuoi insegnare a noi? >> .

E lo cacciarono fuori.

GESU' seppe che l'avevano cacciato fuori,

e incontratolo gli disse:

<< Tu credi nel FIGLIO dell'uomo? >> .

Egli rispose:

<< E chi è, SIGNORE,

perché io creda in lui? >> ,

Gli disse GESU':

<< Tu l'hai visto:

colui che parla con te è proprio lui >> .

Ed egli disse: << Io credo, SIGNORE! >> .

E gli si prostrò innanzi.

GESU' allora gli disse:

<< Io sono venuto in questo mondo per giudicare, perché coloro che non vedono vedano e quelli che vedono diventino ciechi >> .

Alcuni dei farisei che erano con lui

udirono queste parole e gli dissero:

<< Siamo forse ciechi anche noi? >> .

GESU' rispose loro:

<< Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; Ma siccome dite:

Noi vediamo, il vostro peccato rimane >> .

 

IOANNEM

 

 

9

 

1 Et praeteriens vidit hominem

caecum a nativitate.

2 Et interro gaverunt eum discipuli sui

dicentes: " Rabbi, quis peccavit,

hic aut parentes eius, ut caecus nasceretur? ".

3 Respondit Iesus: "

Neque hic peccavit neque parentes eius,

sed ut manifestentur

opera Dei in illo.

4 Nos oportet operari opera eius,

qui misit me, donec dies est;

venit nox, quando nemo potest operari.

5 Quamdiu in mundo sum,

lux sum mundi ".

6 Haec cum dixisset,

exspuit in terram et fecit lutum ex sputo

et linivit lutum super oculos eius

7 et dixit ei: "

Vade, lava in natatoria Siloae! "

quod interpretatur Missus C.

Abiit ergo et lavit et venit videns.

8 Itaque vicini et, qui videbant eum prius

quia mendicus erat, dicebant: "

Nonne hic est,

qui sedebat et mendicabat? ";

9 alii dicebant: " Hic est! ";

alii dicebant: " Nequaquam, sed similis est eius! ".

Ille dicebat: " Ego sum! ".

10 Dicebant ergo ei: "

Quomodo igitur aperti sunt oculi tibi? ".

11 Respondit ille: "

Homo, qui dicitur Iesus, lutum fecit

et unxit oculos meos et dixit mihi: "

Vade ad Siloam et lava! ".

Abii ergo et lavi

et vidi ".

12 Et dixerunt ei: " Ubi est ille? ".

Ait: " Nescio ".

13 Adducunt eum ad pharisaeos,

qui caecus fuerat.

14 Erat autem sabbatum, in qua die

lutum fecit Iesus et aperuit oculos eius.

15 Iterum ergo interrogabant

et eum pharisaei quomodo vidisset.

Ille autem dixit eis: "

Lutum posuit super oculos meos,

et lavi et video ".

16 Dicebant ergo ex pharisaeis quidam: " Non est hic homo a Deo,

 

IOANNEM

quia sabbatum non custodit! ";

alii autem dicebant: "

Quomodo potest homo peccator

haec signa facere? ".

Et schisma erat in eis.

17 Dicunt ergo caeco iterum: "

Tu quid dicis de eo

quia aperuit oculos tuos? ".

Ille autem dixit: " Propheta est! ".

18 Non crediderunt ergo Iudaei de illo quia

caecus fuisset et vidisset,

donec vocaverunt parentes eius,

qui viderat.

19 Et interrogaverunt eos dicentes: "

Hic est filius vester, quem vos dicitis

quia caecus natus est? Quomodo ergo nunc videt? ". 20 Responderunt ergo parentes eius et dixerunt:"

Scimus quia hic est filius noster

et quia caecus natus est.

21 Quomodo autem nunc videat nescimus,

aut quis eius aperuit oculos nos nescimus;

ipsum interrogate.

Aetatem habet; ipse de se loquetur! ".

22 Haec dixerunt parentes eius,

quia timebant Iudaeos;

iam enim conspiraverant Iudaei,

ut, si quis eum confiteretur

Christum, extra synagogam fieret.

23 Propterea parentes eius dixerunt: "

Aetatem habet; ipsum interrogate! ".

24 Vocaverunt ergo rursum hominem,

qui fuerat caecus, et dixerunt ei: "

Da gloriam Deo!

Nos scimus quia hic homo peccator est ".

25 Respondit ergo ille: "

Si peccator est nescio; unum scio quia,

caecus cum essem, modo video ".

26 Dixerunt ergo illi: "

Quid fecit tibi?

Quomodo aperuit oculos tuos? ".

27 Respondit eis: "

Dixi vobis iam, et non audistis;

quid iterum vultis audire? Numquid

et vos vultis discipuli eius fieri? ".

28 Et maledixerunt ei et dixerunt: "

Tu discipulus illius es,

nos autem Moysis discipuli sumus.

29 Nos scimus quia Moysi locutus est Deus;

hunc autem nescimus unde sit ".

IOANNEM

30 Respondit homo et dixit eis: "

In hoc enim mirabile est, quia vos

nescitis unde sit, et aperuit meos oculos!

31 Scimus quia peccatores Deus non audit;

sed, si quis Dei cultor est et

voluntatem eius facit, hunc exaudit.

32 A saeculo non est auditum

quia aperuit quis oculos caeci nati;

33 nisi esset hic a Deo,

non poterat facere quidquam ".

34 Responderunt et dixerunt ei: "

In peccatis tu natus es totus

et tu doces nos? ".

Et eiecerunt eum foras.

35 Audivit Iesus quia eiecerunt eum foras

et, cum invenisset eum, dixit ei: "

Tu credis in Filium hominis? ".

36 Respondit ille et dixit: "

Et quis est, Domine,

ut credam in eum? ".

37 Dixit ei Iesus: "

Et vidisti eum; et,

qui loquitur tecum, ipse est ".

38 At ille ait: " Credo, Domine! ";

et adoravit eum.

39 Et dixit Iesus: "

In iudicium ego in hunc mundum veni, ut,

qui non vident, videant,

et, qui vident, caeci fiant ".

40 Audierunt haec ex pharisaeis, qui cum

ipso erant, et dixerunt ei: "

Numquid et nos caeci sumus? ".

41 Dixit eis Iesus: "

Si caeci essetis, non haberetis peccatum.

Nunc vero dicitis: "

Videmus!"; peccatum vestrum manet ".