GIOVANNI

 

Offro la vita per le pecore

10.1

<< In verità, in verità vi dico:

chi non entra nel recinto delle pecore per la porta, ma vi sale da un'altra parte,

è un ladro e un brigante.

Chi invece entra per la porta,

è il pastore delle pecore.

Il guardiano gli apre

e le pecore ascoltano la sua voce:

GIOVANNI

egli chiama le sue pecore

una per una e le conduce fuori.

E quando ha condotto fuori tutte le sue pecore,

cammina innanzi a loro, e le pecore lo seguono,

perché conoscono la sua voce.

Un estraneo invece non lo seguiranno,

ma fuggiranno via da lui,

perché non conoscono la voce degli estranei >> . Questa similitudine disse loro GESU',

ma essi non capirono

che cosa significava ciò che diceva loro.

Allora GESU' disse loro di nuovo:

<< In verità, in verità vi dico:

io sono la porta delle pecore.

Tutti coloro che sono venuti prima di me,

sono ladri e briganti;

ma le pecore non li hanno ascoltati.

Io sono la porta:

se uno entra attraverso di me, sarà salvo;

entrerà e uscirà e troverà pascolo.

Il ladro non viene se non per rubare, uccidere

e distruggere; io sono venuto perché

abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.

Io sono il buon pastore.

Il buon pastore offre la vita per le pecore.

Il mercenario invece, che non è pastore

e al quale le pecore non appartengono,

vede venire il lupo, abbandona le pecore

e fugge e il lupo le rapisce e le disperde;

egli è mercenario

e non gli importa delle pecore.

Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore

e le mie pecore conoscono me,

come il PADRE conosce me

io conosco il Padre;

e offro la vita per le pecore.

E ho altre pecore che non sono di

quest'ovile; anche queste io devo condurre;

ascolteranno la mia voce

e diventeranno un solo gregge e un solo pastore. Per questo il PADRE mi ama:

perché io offro la mia vita,

per poi riprenderla di nuovo.

Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla

e il potere di riprenderla di nuovo.

Questo comando ho ricevuto dal PADRE mio >>

Sorse di nuovo dissenso tra i Giudei

per queste parole.

GIOVANNI

Molti di essi dicevano:

<< Ha un demonio ed è fuori di sé;

perché lo state ad ascoltare? >> .

Altri invece dicevano:

<< Queste parole non sono di un indemoniato; può forse un demonio

aprire gli occhi ai ciechi? >> .

 

Io e il PADRE

siamo una cosa sola

10,22

Ricorreva in quei giorni

a Gerusalemme la festa della Dedicazione.

Era d'inverno.

GESU' passeggiava nel tempio,

sotto il portico di Salomone.

Allora i Giudei gli si fecero attorno

e gli dicevano:

<< Fino a quando terrai l'animo nostro sospeso? Se tu sei il CRISTO, dillo a noi apertamente >> .

GESU' disse loro:

<< Ve l'ho detto e non credete;

le opere che io compio nel nome del PADRE mio, queste mi danno testimonianza;

ma voi non credete,

perché non siete mie pecore.

Le mie pecore ascoltano la mia voce

e io le conosco ed esse mi seguono.

Io do loro la vita eterna

e non andranno mai perdute

e nessuno le rapirà dalla mia mano.

Il PADRE mio che me le ha date

è più grande di tutti e

nessuno può rapirle dalla mano del PADRE mio. Io e il PADRE siamo una cosa sola >> .

i Giudei portarono di nuovo delle pietre

per lapidarlo.

GESU' rispose loro:

<< Vi ho fatto vedere molte opere buone

da parte del PADRE mio;

per quale di esse mi volete lapidare? >> .

Gli risposero i Giudei:

<< Non ti lapidiamo per un'opera buona,

ma per la bestemmia e perché tu,

che sei uomo, ti fai Dio >> .

Rispos loro GESU':

GIOVANNI

<< Non è forse scritto nella vostra Legge:

Io ho detto: voi siete dei?

Ora, se essa ha chiamato dei coloro

ai quali fu rivolta la parola di DIO

(e la scrittura non può essere annullata),

a colui che il PADRE ha consacrato

e mandato nel mondo, voi dite:

Tu bestemmi, perché ho detto:

Sono FIGLIO di DIO?

Se non compio le opere del PADRE mio,

non credetemi;

ma se le compio, anche se non volete credere

a me, credete almeno alle opere,

perché sappiate e conosciate

che il PADRE è in me ed io nel PADRE >> . Cercavano allora di prenderlo di nuovo,

ma egli sfuggì dalle loro mani.

Ritornò quindi al di là del Giordano,

nel luogo dove prima Giovanni battezzava,

e qui si fermò.

Molti andarono da lui e dicevano:

<< Giovanni non ha fatto nessun segno,

ma tutto quello che Giovanni ha detto

di costui era vero >> .

E in quel luogo molti credettero in lui.

 

IOANNEM

 

 

 

 

10 1

" Amen, amen dico vobis:

Qui non intrat per ostium in ovile ovium,

sed ascendit aliunde,

ille fur est et latro;

2 qui autem intrat per ostium,

pastor est ovium.

3 Huic ostiarius aperit,

et oves vocem eius et educit eas.

IOANNEM

audiunt, et proprias oves

vocat nominatim

4 Cum proprias omnes emiserit,

ante eas vadit, et oves illum sequuntur,

quia sciunt vocem eius;

5 alienum autem non sequentur,

sed fugient ab eo,

quia non noverunt vocem alienorum ".

6 Hoc proverbium dixit eis Iesus; illi

autem non cognoverunt quid esset,

quod loquebatur eis.

7 Dixit ergo iterum Iesus: "

Amen, amen dico vobis:

Ego sum ostium ovium.

8 Omnes, quotquot venerunt ante me,

fures sunt et latrones,

sed non audierunt eos oves.

9 Ego sum ostium;

per me, si quis introierit, salvabitur

et ingredietur et egredietur et pascua inveniet.

10 Fur non venit, nisi ut furetur et mactet

et perdat; ego veni, ut vitam

habeant et abundantius habeant.

11 Ego sum pastor bonus;

bonus pastor animam suam ponit pro ovibus;

12 mercennarius et, qui non est pastor,

cuius non sunt oves propriae,

videt lupum venientem et dimittit oves

et fugit et lupus rapit eas et dispergit

13 quia mercennarius est

et non pertinet ad eum de ovibus.

14 Ego sum pastor bonus et cognosco meas, et cognoscunt me meae,

15 sicut cognoscit me Pater,

et ego cognosco Patrem;

et animam meam pono pro ovibus.

16 Et alias oves habeo, quae non sunt ex

hoc ovili, et illas oportet me adducere,

et vocem meam audient

et fient unus grex, unus pastor.

17 Propterea me Pater diligit,

quia ego pono animam meam,

ut iterum sumam eam.

18 Nemo tollit eam a me, sed ego pono eam

a meipso. Potestatem habeo ponendi eam

et potestatem habeo iterum sumendi eam.

Hoc mandatum accepi a Patre meo ".

19 Dissensio iterum facta est inter Iudaeos

propter sermones hos.

IOANNEM

20 Dicebant autem multi ex ipsis: "

Daemonium habet et insanit!

Quid eum auditis? ".

21 Alii dicebant: "

Haec verba non sunt daemonium habentis!

Numquid daemonium potest

caecorum oculos aperire? ".

 

 

 

 

 

 

 

22 Facta sunt tunc Encaenia

in Hierosolymis.

Hiems erat;

23 et ambulabat Iesus in templo

in porticu Salomonis.

24 Circumdederunt ergo eum Iudaei

et dicebant ei: "

Quousque animam nostram tollis?

Si tu es Christus, dic nobis palam! ".

25 Respondit eis Iesus: "

Dixi vobis, et non creditis;

opera, quae ego facio in nomine Patris

mei, haec testimonium perhibent de me.

26 Sed vos non creditis,

quia non estis ex ovibus meis.

27 Oves meae vocem meam audiunt,

et ego cognosco eas, et sequuntur me;

28 et ego vitam aeternam do eis,

et non peribunt in aeternum,

et non rapiet eas quisquam de manu mea.

29 Pater meus quod dedit mihi,

maius omnibus est,

et nemo potest rapere de manu Patris.

30 Ego et Pater unum sumus ".

31 Sustulerunt iterum lapides Iudaei,

ut lapidarent eum.

32 Respondit eis Iesus: "

Multa opera bona ostendi vobis

ex Patre; propter

quod eorum opus me lapidatis? ".

33 Responderunt ei Iudaei: "

De bono opere non lapidamus te

sed de blasphemia, et quia tu,

homo cum sis, facis teipsum Deum ".

34 Respondit eis Iesus: "

 

IOANNEM

Nonne scriptum est in lege vestra: "

Ego dixi: Dii estis?".

35 Si illos dixit deos,

ad quos sermo Dei factus est,

et non potest solvi Scriptura,

36 quem Pater sanctificavit

et misit in mundum, vos dicitis: "

Blasphemas!", quia dixi:

Filius Dei sum?

37 Si non facio opera Patris mei,

nolite credere mihi;

38 si autem facio, et si mihi non vultis

credere, operibus credite,

ut cognoscatis et sciatis

quia in me est Pater, et ego in Patre ".

39 Quaerebant ergo iterum eum prehendere; et exivit de manibus eorum.

40 Et abiit iterum trans Iordanem

in eum locum, ubi erat Ioannes baptizans

primum, et mansit illic.

41 Et multi venerunt ad eum et dicebant: "

Ioannes quidem signum fecit nullum;

omnia autem, quaecumque dixit Ioannes

de hoc, vera erant ".

42 Et multi crediderunt in eum illic.