Formazione "il FIGLIO dell'UOMO" ARGOMENTO dalla STAMPA QUOTIDIANA

FORMAZIONE

il FIGLIO dell'UOMO

ONLUS - ASSOCIAZIONE CATTOLICA

E-mail: studiotecnicodalessandro@virgilio.it

Siti Internet: http://www.cristo-re.eu ; http://www.maria-tv.eu ;

http://www.vangeli.net ; http://www.mondoitalia.net ;

http://www.web-italia.eu ; http://www.engineering-online.eu;

dal 28 Marzo al 4 Aprile 2010

9a SETTIMANA MONDIALE della Diffusione in Rete Internet nel MONDO de

" i Quattro VANGELI " della CHIESA CATTOLICA , Matteo, Marco, Luca, Giovanni, testi a lettura affiancata scarica i file cliccando sopra Italiano-Latino Italiano-Inglese Italiano-Spagnolo

L'ARGOMENTO DI OGGI

Aderite all"

ORDINE LAICO dei " CAVALIERI del FIGLIO dell'UOMO" per VIVERE il VANGELO, Diventate CAVALIERI del FIGLIO dell'UOMO vivendo la Vostra VITA in FAMIGLIA e sul LAVORO secondo VIA, VERITA' VITA

Recessione finita, oppure no

Le variabili da tenere d'occhio

Il debito americano alle stelle. Mutui, è allarme morosità

"Dai nostri archivi"

Il debito americano alle stelle Mutui, è allarme morosità

GM, perdita per 1,15 miliardi Accelera su restituzione prestiti

GRAFICI Debito PubblicoItaliano Deficit PIL Italia

Prodotto interno lordo Produzione industriale Allarme Insolvenza PMI

Costo del denaro Inflazione Disoccupazione Consumi delle famiglie

Petrolio

2009-10-21

Ingegneria Impianti Industriali

Elettrici Antinvendio

ST

DG

Studio Tecnico

Dalessandro Giacomo

SUPPORTO ENGINEERING-ONLINE

 

L'ARGOMENTO DI OGGI

 

Il Mio Pensiero:

Dal Sito Internet di

 

CORRIERE della SERA

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.corriere.it

2009-11-21

 

 

 

REPUBBLICA

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.repubblica.it/

2009-11-21

 

L'UNITA'

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.unita.it

2009-11-21

 

 

il SOLE 24 ORE

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.ilsole24ore.com

2009-11-21

Recessione finita, oppure no

Le variabili da tenere d'occhio

di Vittorio Carlini

21 novembre 2009

GRAFICI / L'osservatorio dell'economia

Debito PubblicoItaliano

Deficit PIL Italia

Prodotto interno lordo

Produzione industriale

Allarme Insolvenza PMI

Costo del denaro

Inflazione

Disoccupazione

Consumi delle famiglie

Petrolio

 

Il debito americano alle stelle. Mutui, è allarme morosità

"Dai nostri archivi"

Il debito americano alle stelle Mutui, è allarme morosità

GM, perdita per 1,15 miliardi Accelera su restituzione prestiti

Il presidente degli Usa Barack Obama, alla fine, ha ammesso quello che diversi economisti, spesso fuori dall'ufficialità, dicono da tempo: esiste il rischio di una ricaduta in recessione. O se si vuole, in maniera più politically corret: la ripresa potrebbe assumere le sembianze di una"W".

A ben vedere nessuno ha la sfera di cristallo e nessuno, nel territorio inesplorato dell'attuale congiuntura, può dire cosa accadrà da qui a pochi mesi. Certo, probabilmente non vedremo la Borsa tornare nella "Fossa delle Marianne" del 9 marzo scorso (almeno si spera). Ma se la rimonta indosserà un abito a forma di "L", "W" oppure di saxofono (sì, gira anche questa nuova figura per delineare il possibile andamento del Pil) sarà sempre questione di maggiore o minore probabilità di uno scenario rispetto all'altro.

Diamo i numeri...

Nel terzo trimestre 2009, la prima lettura del Pil Usa ha indicato una crescita annualizzata del 3,5 per cento. Un bel balzo rispetto al calo del 6,4% tra gennaio e marzo. Non pochi hanno sentenziato: "Basta con i catastrofismi! Il peggio è alle spalle, siamo fuori dalla crisi". Ok, certo. Ma come dimenticare che il governo di Washington ha profuso a piene mani incentivi e sostegno all'economia? "La ripresa - ribattono molti esperti -è dopata. Bisogna attendere quando il sostegno "pubblico" verrà meno". Il passaggio di testimone tra la politica espansiva dell'amministrazione di Obama e la spesa di Mr e Mrs Smith è fondamentale: dovesse fallire sarebbero guai. Allora senza alcuna pretesa di esaustività, per cercare di capire ciò che può essere, alcune variabili, come riporta la stessa CnnMoney, offrono spunti interessanti. Indicatori legati all'economia Usa, ma che valgono anche per altri mercati.

La disoccupazione preoccupa

Il tasso di disoccupazione, in ottobre, è salito al 10,2%, il massimo negli ultimi 26 anni. Un dato che preoccupa la Casa Bianca. È banale ricordare che più le persone perdono impiego e busta paga, più la propensione al consumo diminuisce. Cioè, la domanda aggregata si sgonfia. Non solo: la mancanza di uno stipendio (che è anche una "tragedia" dell'esistenza, non solo economica) impedisce di pagare le rate dei muti, facendo lievitare le insolvenze. Come dimostrano i numeri: il tasso di morosità dei prestititi sulle multiproprietà di Fannie Mae alla fine di settembre è salito allo 0,62%, contro lo 0,16% del 2008; mentre oltre il 14% dei titolari di mutui per l'acquisto di una casa risulta o insolvente o in ritardo di più di tre mesi sui pagamenti. Insomma, la situazione non è rosea. Bisogna ricordare, peraltro, che gli economisti guardano anche ai "payroll", cioè all'andamento delle buste paga. In ottobre ne sono andate perse più di 190mila, un valore maggiore della media di mensile negativa che ha caratterizzato la recessione del 2001. Se il trend continua... sono dolori.

Le vendite al dettaglio: si spera nel Natale

Negli Stati Uniti le vendite al dettaglio hanno mostrato, negli ultimi mesi, alcuni segnali di ripresa: escludendo le auto (che hanno beneficiato di forti incentivi per le vendite), sono salite in cinque sugli ultimi sei mesi. La National retail foundation, peraltro, stima che lo shopping nell'importantissimo periodo natalizio sarà in flessione dell'1% rispetto allo stesso periodo del 2008. Un andamento migliore delle aspettative allontanerebbe, di molto, i timori di stallo dell'economia. Sarà così? Difficile rispondere: la disoccupazione, cui si aggiunge la stretta sul credito, gioca un ruolo fondamentale. Alcuni economisti, anche in Italia, sottolineano che il problema negli Usa è stato proprio quello di un boom della domanda dopata dal debito. "È ora - sostengono - che gli americani siano meno cicale e diventino più formiche". Si tratta di una bella tentazione teorica. Tuttavia, il consumer spending vale circa il 70% dell'attività economica nazionale. David Wyss, capo economista di S&P's ricorda alla CnnMoney : "Se i consumatori, a Natale, (e già durante il Thanksginving, ndr) avranno paura di fronte alle vetrine, potremmo ricadere in recessione". Si potrà obiettare: ma la spinta deve arrivare dall'Europa e dai paesi (ex) emergenti, Cina in testa. Considerazione plausibile ma, è il commento di molti, ipotizzare una ripartenza senza Stati Uniti è utopia.

Il mondo dell'auto: quale futuro dopo gli incentivi?

Poche industrie sono state colpite dalla crisi più di quella dell'auto. Negli Stati Uniti due delle sorelle di Detroit, General Motors e Chrysler, sono state accompagnate sotto la "tutela" del concordato (Chapter 11) per evitarne il fallimento. Negli ultimi mesi le vendite si sono riprese. General Motors è riuscita a raggiungere 28 miliardi di dollari di ricavi, all'incirca 4,9 miliardi in più rispetto a quanto realizzato dalla "Old GM" tra aprile e giugno. E, nonostante abbia iscritto a bilancio una perdita di 1,15 miliardi, la società automobilistica si è detta pronta ad accelerare i rimborsi dei prestiti ricevuti da Washington, dal sindacato dei lavoratori e dal governo canadese. Tuttavia la stessa GM, nelle sue previsioni, non fa voli pindarici: nel quarto trimestre prevede una "moderazione" dell'industria dell'auto, con un tasso stagionale annualizzato di vendite di auto "che dovrebbe scendere a 56,4 milioni di veicoli". Anche negli Stati Uniti si avrà una discesa dei volumi: stimate circa 10,7 milioni di unità. Insomma, la debolezza della domanda nel settore è prevista: fondamentale è monitorare il suo andamento senza il paracadute delle sovvenzioni statali (negli Usa come in Europa)

Caro, caro, caro, petrolio?

Il prezzo dell'oro nero, nell'estate del 2008, aveva raggiunto valori stratosferici: oltre 145 dollari al barile. Se quel livello avesse resistito, sarebbe stato un bel macigno sull'economia: da un lato, la bolletta energetica sarebbe schizzata verso l'alto (con la conseguente inflazione); dall'altro, avrebbe causato non pochi problemi alle famiglie che avrebbero indirizzato la loro (scarsa) spesa verso i consumi energetici (per quanto anch'essi rilevanti nella crescita del Pil). La recessione dell'economia reale ha, però, portato il barile a più miti consigli. Oggi, gli indizi sembrano indicare che il peggio è alle spalle (più che un'affermazione un mantra...) e le quotazioni sono ripartite: si aggirano attorno a 78 dollari. A ben vedere, bisognerà capire cosa "farà" l'enorme liquidità in circolazione immessa dagli istituti centrali (cui si aggiunge la politica dell'easy money). Il petrolio, infatti, alla stregua dell'oro è diventato (anche) un asset finanziario. Molti investitori puntano sul barile di carta alla ricerca di un ritorno sull'investimento: nel caso di un nuovo balzo delle quotazioni bisognerà, quindi, capire quanto è il peso dell'investment demand e quanto, invece, della domanda reale. Solo quest'ultima sarà l'indizio di una possibile ripresa della congiuntura.

Borse mondiali, liquidità e banche centrali

Già, il peso della domanda di carattere finanziario. Che questa abbia, proprio a causa dell'enorme massa di denaro frusciante in circolazione, un'importanza enorme lo si è visto anche dall'andamento dei mercati finanziari. Le Borse hanno messo a segno un rally notevole dal marzo scorso. Si ha un bel dire che i fondamentali erano assolutamente sottostimati e che i prezzi scontavano una "soluzione-fine-di-mondo" che non si è concretizzata. Certo, ci sarà anche questo. Ma è la ricerca di un ritorno sull'investimento (a fronte di tassi a zero negli Usa e a all'1% in Europa) che ha dato gas ai listini. Altrimenti bisognerebbe spiegare perché tutti i settori sono saliti indistintamente, senza alcuna selezione. In particolare le banche, che hanno corso moltissimo e che non passa giorno in cui non si ripeta: hanno fatto utili con il trading e dovranno ancora affrontare perdite e svalutazioni sui crediti. Tuttavia, più che monitorare con assillo l'andamento delle Borse è meglio guardare con attenzione alle mosse delle banche centrali. Proprio ieri la Bce ha compiuto il primo gesto concreto (gli annunci sono acqua gettata contro lo scoglio...) verso la riduzione del denaro prestato generosamente alle banche: "richiederemo - ha detto l'Eurotower - almeno due rating di una istituzione esterna di valutazione del credito" sui titoli garantiti da altre attività (Abs) che le banche (ci) cedono come collaterale. Un piccolo passettino. Un tentativo di prova verso l'exit strategy. L'inizio di drenaggio della liquidità sul mercato è un momento da monitorare con attenzione perché è lì che si potrà valutare meglio la salute del paziente, sia di Wall Street sia di Main Street.

Casa, dolce casa...

Già, Main Street. Quel mondo reale, dove nel 2007 scoppiò la bolla immobiliare che è stata una delle cause della crisi finanziaria (prima) e della recessione (dopo). Il contestuale rialzo dei tassi e il crollo dei prezzi dell'immobiliare hanno, da un lato fatto saltare i mutui subprime (inseriti negli Asset backed security) e, dall'altro, fatto diminuire il valore del bene a garanzia dei mutui stessi. Il tutto con le conseguenze che sappiamo. Nel 2009, nonostante la dura crisi, le vendite di immobili sono aumentate: a settembre hanno raggiunto 5,57 miliardi di dollari, secondo la la National association of realtors. Tuttavia i problemi non mancano. Le insolvenze sui prestiti salgono e, nel commercial housing cui molte banche locali sono esposte, si assiste ad un pericoloso aumento delle morosità. Non solo: le difficoltà dei due enti parastatali Fannie Mae e Freddie Mac, che hanno ricevuto più di 110 miliardi di dollari dal governo di Washington per il loro salvataggio, pone seri problemi su fronte di eventuali ulteriori sostegni pubblici.

Il debito a stelle e strisce... alle stelle

Pensare a iniezioni di denaro pubblico è, infatti, molto difficile. Proprio di recente, l'esecutivo ha pubblicato l'ultimo dato sul debito pubblico. Secondo quanto indicato dal dipartimento del Tesoro Usa, il debito ha superato la soglia dei 12mila miliardi di dollari. Al 16 novembre 2009 ammonta a 12.031,30 miliardi contro 11.999,51 miliardi il giorno prima. La prima soglia simbolica dei 10mila miliardi era stata superata nel settembre 2008. Dal primo novembre 2009 l'indebitamento è cresciuto di oltre 138 miliardi e si sta avvicinando rapidamente al tetto di 12.104 miliardi (circa l'80% del Pil Usa 2008) autorizzato dal Congresso.

Insomma i dati, le variabili da osservare (al di là delle troppe dichiarazioni di questa o quella autorità) possono essere diversi (l'elenco potrebbe continuare...). Numeri utili per cogliere qualche indizio in grado di farci capire cosa può succedere. Ma sempre nella consapevolezza che le previsioni, in economia, sono di per sé fallaci. E chi sostiene il contrario è in mala fede o un illuso.

vittorio.carlini@ilsole24ore.com

21 novembre 2009

 

 

 

 

 

 

Il debito americano alle stelle

Mutui, è allarme morosità

di Vittorio Carlini

commenti - | Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci

18 novembre 2009

Obama: "Contenere il deficit. Il rischio è nuova recessione"

Negli Stati Uniti calano le richieste di mutui

Prezzi al consumo Usa: a ottobre +0,3%

"Dai nostri archivi"

Recessione finita, oppure no Le variabili da tenere d'occhio

SCHEDA / Fannie Mae e Freddie Mac. Cosa sono?

Quanto è facile scordarsi dei subprime

Borse, i salvataggi non bastano

Fed: la disoccupazione porterà a una raffica di pignoramenti

Negli Usa il debito pubblico ha superato la soglia dei 12.000 miliradi. Nel mercato delle case l'"insolvency rate" di Fannie Mae sui prestiti commerciali delle multiproprietà è salito allo 0,62 per cento.

"Parole, parole, parole...", cantava Mina un po' di tempo fa. Un refrain che ben potrebbe adattasi alle tante (troppe) dichiarazioni in stile: "la crisi è finita" o "il peggio è alle spalle". Certo, tutti lo sperano. Ma, al di là delle parole (per l'appunto) ci sono ancora molti fatti che dovrebbero indurre a maggiore prudenza.

Tra questi l'andamento del mercato immobiliare americano, in particolare quello commerciale. In tal senso il Wall Stret Journal, che non può certo dirsi un foglio "catastrofista", riporta alcuni dati molto interessanti sui conti economici di Fannie Mae e Freddie Mac, i due enti parastatali che sono lo snodo del sistema secondario dei mutui immobiliari di milioni e milioni di Mr e Mrs Smith. Ebbene, il "delinquency rate" (il tasso di insolvenza), dei prestititi sulle multiproprietà, di Fannie Mac alla fine di settembre è salito allo 0,62%, contro lo 0,16% di un anno prima. Un balzo che è conseguenza, anche e soprattutto, del peggioramento del mercato commerciale immobiliare. Come evidenzia, peraltro, un altro dato riferito a Freddie Mac: nel momento di massimo splendore dell'housing commercial market (nel 2007), il gruppo aveva garantito nuovi mutui per 180 miliardi di dollari legati a nuove costrusioni; la metà di questi, adesso, sono in morosità.

I timori di Harvard e della Fed

La situazione non è certo positiva. Una eventuale difficoltà delle due società parastatali nel sostenere i crediti per l'acquisto delle case potrebbe portare ad uno stallo del mercato stesso. "Senza la continua attività di Fannie Mae e Freddie Mac - ha scritto di recente l'università di Harvard - le compravendite immobiliari potrebbero fermarsi". La prestigiosa università non è sola a esprimere preoccupazione: proprio di recente il presidente della Fed di San Francisco, Janet Yellen, ha sì sottolineato che "gli indizi di stabilizzazione dell'immobiliare rappresentano senza dubbio un elemento positivo". Tuttavia la disoccupazione, in ottobre, è salita al 10,2%. Un trend preoccupante perché l'incremento del numero delle persone che non hanno uno stipendio può tradursi in una nuova ondata di morosità con succesivi pignoramenti. Il che "rimetterebbe sotto pressione i prezzi delle case tornati a crescere negli ultimi due mesi come rilevato dall'indice Case Shiller". Tanto che la Yellen ha definito "preoccupante" in particolare l'outlook del mercato immobiliare commerciale, quello a cui più sono esposte le banche regionali.

Il debito a stelle e strisce...alle stelle

Senza dimenticare, poi, che gli enti hanno ricevuto più di 110 miliardi di dollari dal governo di Washington per il loro salvataggio. E pensare ad ulteriori iniezioni di denaro è molto difficile. Proprio oggi, infatti, l'esecutivo ha pubblicato l'ultimo dato sul debito pubblico. Secondo quanto indicato dal dipartimento del Tesoro Usa, il debito ha superato la soglia dei 12mila miliardi di dollari. Al 16 novembre 2009 ammonta a 12.031,30 miliardi contro 11.999,51 miliardi il giorno prima. La prima soglia simbolica dei 10mila miliardi era stata superata nel settembre 2008. Dal primo novembre 2009 l'indebitamento è cresciuto di oltre 138 miliardi e si sta avvicinando rapidamente al tetto di 12.104 miliardi (circa l'80% del Pil Usa 2008) autorizzato dal Congresso.

Un altro dato che indica come, a volte, la realtà è lontana dalle "parole, parole, parole, soltanto parole...."

18 novembre 2009

 

 

 

 

 

La recessione affonda i rating

di Jacopo Giliberto

commenti - | Condividi su: Facebook Twitter|vota su OKNOtizie|Stampa l'articoloInvia l'articolo|DiminuisciIngrandisci

TABELLA

Allarme insolvenza per le Pmi

INTERVISTA

Bellotti (Federconfidi): "Basilea2 da rivedere"

"Dai nostri archivi"

DOPO LA MINACCIA DI ALCOA / La palla al piede del caro-energia

Questione meridionale / ma non dimenticatevi del Sud

Professionisti riuniti sotto il segno della rete

Donne al vertice, un guadagno

Bellotti (Federconfidi): "Basilea2 da rivedere"

 

Due aziende su tre hanno le ossa rotte dalla crisi economica: il rating Lince-Cerved sulle piccole e medie imprese dice che il 67,3% è in peggioramento. La svolta si avrà a fine anno, quando chi non è riuscito a medicare le ferite economiche dovrà decidere se tenere aperta l'attività: si stima che il 32%, una Pmi su tre, comincerà l'anno nuovo con scarsi risultati in banca e con il rischio della chiusura definitiva.

Come è prevedibile, le piccole imprese del Mezzogiorno sono più fragili. L'insolvenza potrebbe essere un fenomeno diffuso.

Lo studio condotto da Lince (del gruppo Cerved) con il coordinamento di Francesca Negri delinea un panorama di sofferenza; il vero problema del quadro dipinto da Lince è la prospettiva profonda dello scenario raffigurato, prospettiva che guarda fino all'estate prossima. La ricerca è stata condotta su un campione di 22mila imprese (con una focalizzazione su quelle di dimensioni contenute) e sarà ufficializzata martedì prossimo.

Ancora oggi tante piccole e medie imprese si trovano in grandi difficoltà, prima fra tutte quella dell'accesso al credito che mette a rischio investimenti e posti di lavoro.

"La chiave di lettura è che la situazione delle Pmi italiane è ancora difficile osserva Francesca Negri, responsabile dell'ufficio studi Lince e a fine anno ci sarà il momento della verità: si vedrà quanti imprenditori ce l'hanno fatta a superare il momento più duro e quanti invece devono chiudere l'attività".

Il rating è in peggioramento continuo dal 2006 fino al 2008 "e anche nel primo semestre del 2009. Qualcuno parla di segnali di ripresa, ma sono davvero segnali flebilissimi. Gli indicatori purtroppo fanno immaginare che la crisi non si sia fermata, e per questo motivo le imprese si scontreranno sempre più con la restrizione del credito bancario. Il dramma è che lo studio conclude Negri è predittivo, e che il rating rilevato nel primo semestre 2009 indica la tendenza fino all'estate 2010".

Nel triennio 2006-2008 le aziende in sostanziale stato di insolvenza e vicine al default o in default sono cresciute dell'1,59% passando dal 6,08% al 7,68%. Le imprese del gruppo "con affidabilità molto elevata" sono rimaste stazionarie.

Nel primo semestre 2009 è evidente un peggioramento: il 67,3% delle imprese del campione ha subito un downgrading e il 32,7% ha mostrato un'affidabilità creditizia modesta e una discreta probabilità di default.

Se si analizza la rischiosità dei diversi comparti, emerge una tendenza a un peggioramento nel triennio 200-2008 per tutti i settori lungo la filiera, con condizioni di rischiosità media più elevate per le imprese del dettaglio, ovvero per quelle collocate più a valle nella filiera. Le aziende di produzione risultano più meritevoli di fido.

Nel primo semestre 2009, predittivo per il 2010, il dettaglio peggiora visibilmente con il 21,65% delle attività sostanzialmente non solvibili; nella sezione dell'ingrosso la percentuale di attività non affidabili è più contenuta (10,39%), per arrivare al 9,36% del comparto produttivo. Aumentano di oltre il 2% le imprese produttive e del segmento dell'ingrosso che si concentrano nelle classi di scarsa affidabilità.

Secondo l'analisi di Lince, i settori più esposti al rischio sono costruzioni, chimica al consumo, abbigliamento, prodotti in metallo, maglieria, pelli, mobili in legno, calzature, tessile, prodotti per l'edilizia, alberghi e ristoranti, agricoltura e caccia.

Al contrario, i segmenti più solidi (cioè con una percentuale di aziende insolventi contenuta) sono farmaceutico, energia elettrica e gas, fibre sintetiche e artificiali, vetro, macchine utensili e per ufficio.

C'è anche un'analisi per zone geografiche. Il Nord Ovest e il Triveneto sono le aree più affidabili mentre il Centro, il Sud e le Isole mostrano i risultati più preoccupanti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AVVENIRE

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.avvenire.it

2009-10-27

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA STAMPA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.lastampa.it/redazione/default.asp

2009-10-27

 

 

 

 

 

LA GAZZETTA del MEZZOGIORNO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_homepage_03.php?IDCategoria=1

2009-10-27

 

 

 

 

IL GIORNALE

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.ilgiornale.it/

2009-10-27

 

 

 

 

L'OSSERVATORE ROMANO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.vatican.va/news_services/or/home_ita.html

2009-10-27

 

 

 

IL MATTINO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.ilmattino.it/

2009-10-27

 

 

 

 

La GAZZETTA dello SPORT

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.gazzetta.it/

2009-10-27

 

 

 

 

 

CORRIERE dello SPORT

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.corrieredellosport.it/

2009-10-27

 

 

 

 

 

 

L'ESPRESSO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://espresso.repubblica.it/

2009-10-27

 

 

 

 

PANORAMA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.panorama.it/

2009-10-27

 

 

 

 

FAMIGLIA CRISTIANA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.italysoft.com/news/famiglia-cristiana.html

http://www.sanpaolo.org/fc/default.htm

2009-10-27

 

 

SORRISI e CANZONI

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.sorrisi.com/sorrisi/home/index.jsp

2009-10-27

 

 

 

 

 

PUNTO INFORMATICO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.italysoft.com/news/il-punto-informatico.html

2009-10-27

 

 

 

 

 

EUROPA QUOTIDIANO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.europaquotidiano.it/site/engine.asp

2009-10-27

 

 

 

 

 

 

 

WALL STREET ITALIA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.wallstreetitalia.com/

2009-10-27

 

 

 

 

 

 

 

IL SECOLO XIX

http://ilsecoloxix.ilsole24ore.com/

LIBERO

http://www.libero-news.it/

IL MONDO

http://www.ilmondo.rcs.it/

MILANO FINANZA

http://www.milanofinanza.it/

MOMENTO SERA

http://www.momentosera.it/home.php

ITALIA OGGI

http://www.italiaoggi.it/

LA NAZIONE

http://www.momentosera.it/home.php

IL FOGLIO

http://www.ilfoglio.it/

 

IL MANIFESTO

http://www.ilmanifesto.it/

 

 

 

 

 

 

WIKIPEDIA

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.wikipedia.it

 

GENTE VIAGGI

http://www.genteviaggi.it/

AUTO OGGI

http://www.inauto.com/speciali/autooggi/index.html

QUATTRO RUOTE

http://www.quattroruote.it/

INTERNAZIONALE

http://www.internazionale.it/home/

 

 

ARCHEOLOGIA VIVA

http://www.archeologiaviva.it/

AUDIO REVIEW

http://www.audioreview.it/

IL FISCO

http://www.ilfisco.it/

STAR BENE

http://www.starbene.it/

ABITARE

http://abitare.it/

BRAVA CASA

http://atcasa.corriere.it/

DONNA MODERNA

http://www.donnamoderna.com/home/index.jsp

SECONDA MANO

http://www.secondamano.it/

PC WORLD

http://www.pcworld.it/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FINANCIAL TIMES

http://www.ft.com/home/europe/

EL PAIS

http://www.elpais.com/global/

 

LE MONDE

http://www.lemonde.fr/

THE NEW YORK TIMES

http://www.nytimes.com/

THE WALL STREET JOURNAL

http://europe.wsj.com/home-page

MAIL & GUARDIAN

http://www.mg.co.za/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla HOME PAGE

Edito in Proprio e Responsabile STUDIO TECNICO DALESSANDRO GIACOMO

Responsabile Per. Ind. Giacomo Dalessandro

Riferimaneti Leggi e Normative : Michele Dalessandro - Organizzazione, impaginazione grafica: Francesca Dalessandro