Formazione "il FIGLIO dell'UOMO" ARGOMENTO dalla STAMPA QUOTIDIANA

FORMAZIONE

il FIGLIO dell'UOMO

ONLUS - ASSOCIAZIONE CATTOLICA

E-mail: studiotecnicodalessandro@virgilio.it

Siti Internet: http://www.cristo-re.eu ; http://www.maria-tv.eu ;

http://www.vangeli.net ; http://www.mondoitalia.net ;

http://www.web-italia.eu ; http://www.engineering-online.eu;

dal 28 Marzo al 4 Aprile 2010

9a SETTIMANA MONDIALE della Diffusione in Rete Internet nel MONDO de

" i Quattro VANGELI " della CHIESA CATTOLICA , Matteo, Marco, Luca, Giovanni, testi a lettura affiancata scarica i file cliccando sopra Italiano-Latino Italiano-Inglese Italiano-Spagnolo

L'ARGOMENTO DI OGGI

Aderite all"

ORDINE LAICO dei " CAVALIERI del FIGLIO dell'UOMO" per VIVERE il VANGELO, Diventate CAVALIERI del FIGLIO dell'UOMO vivendo la Vostra VITA in FAMIGLIA e sul LAVORO secondo VIA, VERITA' VITA

Confindustria: nel 2010 Pil oltre l'1%

Secondo la stima il prodotto interno lordo segnerà un -4,5% nel 2009 e tornerà positivo l'anno successivo

Il centro studi ha rivisto in rialzo le previsioni fatte in settembre

2009-10-17

Ingegneria Impianti Industriali

Elettrici Antinvendio

ST

DG

Studio Tecnico

Dalessandro Giacomo

SUPPORTO ENGINEERING-ONLINE

 

L'ARGOMENTO DI OGGI

 

Il Mio Pensiero:

Dal Sito Internet di

per l'articolo completo vai al sito internet indicato relativo al giornale da cui l'articolo è tratto:

2009-10-17

CORRIERE della SERA

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.corriere.it

2009-10-17

Il centro studi ha rivisto in rialzo le previsioni fatte in settembre

Confindustria: nel 2010 Pil oltre l'1%

Secondo la stima il prodotto interno lordo segnerà un -4,5% nel 2009 e tornerà positivo l'anno successivo

ROMA - Una visione più ottimistica del futuro, almeno quella del Centro studi di Confindustria, che ha rivisto in rialzo le previsioni per il Pil, prevedendo un miglioramento sia per l'anno in corso che per il prossimo. In Italia, stima il Csc nella congiuntura flash di ottobre, il Pil segnerà un -4,5% nel 2009 (dal -4,8% indicato a settembre) e crescerà di oltre l'1% nel 2010 (dal +0,8% della scorsa previsione).

LA RIPRESA - Secondo il Centro studi di Confindustria "la ripresa si estende e consolida. Ma nel manifatturiero i livelli di attività rimangono molto lontani dai valori pre-crisi, soprattutto nei settori dei beni di investimento". "Durante l'estate i maggiori paesi avanzati sono usciti dalla recessione, unendosi a quelli emergenti nello spingere l'economia globale fuori dalla crisi. Il netto recupero del commercio mondiale - aggiunge - è insieme l'effetto di questa coralità e la cinghia di trasmissione degli impulsi espansivi. Nuovi ordini e indicatori anticipatori puntano a ulteriori guadagni di PIL nei prossimi mesi, con il contributo chiave della ricostituzione delle scorte. L'Italia ha agganciato il rilancio internazionale, come testimonia il deciso recupero della produzione industriale nel terzo trimestre, che diventerà più lento in autunno, stando alle attese delle imprese. La caduta della produttività ha penalizzato i margini di profitto delle aziende manifatturiere tedesche, francesi e italiane, mentre quelle americane hanno adeguato rapidamente l'impiego di lavoro alla diminuzione del fatturato e sono pronte a riavviare gli investimenti; l'aggiustamento dell'occupazione frenerà il rilancio nell'eurozona".

 

17 ottobre 2009

 

REPUBBLICA

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.repubblica.it/

2009-10-17

Secondo viale dell'Astronomia "l'Italia ha agganciato il rilancio internazionale"

Continuano però a crescere le ore di Cassa Integrazione: +13,3% ad agosto

Migliorano le stime di Confindustria

Pil -4,5% nel 2009 e +1% nel 2010

Migliorano le stime di Confindustria Pil -4,5% nel 2009 e +1% nel 2010

Il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia

ROMA - Il Centro studi di Confindustria rivede al rialzo le previsioni per il Pil, prevedendo un miglioramento sia per l'anno in corso che per il prossimo. In Italia, secondo le stime di Confindustria, il Pil segnerà un -4,5% nel 2009 (dal -4,8% indicato a settembre) e crescerà di oltre l'1% nel 2010 (dal +0,8% della scorsa previsione).

L'aggiornamento in positivo delle previsioni è dovuto al fatto, si legge nel comunicato diffuso da viale dell'Astronomia, che l'Italia "ha agganciato il rilancio internazionale, come testimonia il deciso recupero della produzione industriale nel terzo trimestre, che diventerà più lento in autunno, stando alle attese delle imprese". La produzione industriale è infatti rimbalzata nel periodo luglio-settembre, secondo la stima dello stesso Csc che conferma l'ultimo dato diffuso, del +5,9%, dopo cinque cali consecutivi.

E pertanto "l'avvio della ripresa è ormai generalizzato", anche grazie al "netto recupero" del commercio mondiale e per l'autunno: "L'andamento degli ordini dall'estero fa prevedere ulteriori forti progressi negli scambi globali". Guardando ancora allo scenario internazionale, il Centro studi di Confindustria sostiene infine che "la rapida discesa del dollaro e il rialzo delle materie prime costituiscono allo stesso tempo una conferma della ritrovata fiducia nelle prospettive economiche mondiali e una nuova fonte di instabilità che minaccia il ritorno alla crescita in Eurolandia e Giappone. Ciò renderà le scelte della Bce sui tassi di interesse ancora più caute".

Rimane però difficile la situazione dell'occupazione: continuano infatti ad aumentare le ore autorizzate di Cassa integrazione: a settembre hanno segnato un incremento del 13,3% rispetto a luglio (agosto, sottolinea il Centro Studi di Confindustria, è un mese di difficile lettura per la concentrazione delle ferie). "E' sicuramente positiva - osservano gli analisti di Viale dell'Astronomia - l'azione della Cig nel salvaguardare i posti di lavoro, ma se la contrazione dell'attività si rivelerà duratura tale strumento potrebbe non essere più adeguato".

E potrebbe persino aggravarsi nei prossimi mesi la stretta creditizia, che penalizza soprattutto le imprese, rileva per l'ennesima volta Confindustria: "La selettività del credito rischia di acuirsi proprio nei prossimi mesi, quando salirà il fabbisogno delle aziende e le banche saranno ancora più prudenti di fronte ai conti in rosso dei clienti". I prestiti alle imprese in Italia, emerge dall'analisi mensile, "sono ristagnati in agosto (+0,1% destagionalizzato su luglio) e caduti dello 0,6% da gennaio (-3,2% in Germania, -2,1% in Eurolandia). I prestiti dei primi 5 gruppi calano del 3,5% tendenziale in agosto, quelli delle altre banche crescono del 5,4%. Torna a salire - rileva ancora il Csc - la quota di imprese manifatturiere che non ottiene credito (6,7% in settembre, dal 5,7%)"

(17 ottobre 2009)

L'UNITA'

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.unita.it

2009-10-17

 

 

il SOLE 24 ORE

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.ilsole24ore.com

2009-10-17

Confindustria: ripresa più vicina, stenta il manifatturiero

17 ottobre 2009

Bini Smaghi teme una nuova ondata di svalutazioni bancarie

Istat: ad agosto deficit in calo a 1,35 miliardi

Il deficit commerciale dell'Eurozona sale a 4 miliardi

"Dai nostri archivi"

<span id="U240982121278eeG" style="">LANCETTE DELL'ECONOMIA</span> La ripresa globale non è un fuoco fatuo

Confindustria, ripresa lenta e insidiosa Pil 2010 a +0,8Subject:

Confindustria: per la ripresa liberalizzazioni e riforma Pa

Confindustria: è in arrivoun biennio di recessione

Turbolenze finanziarie, Pil debole fino al 2010

La ripresa si estende e consolida. Ma nel manifatturiero i livelli di attività rimangono molto lontani dai valori pre-crisi, soprattutto nei settori dei beni di investimento.

Lo riferisce il Centro studi di Confindustria nella congiuntura flash di ottobre.

Durante l'estate, evidenzia il Csc, i maggiori paesi avanzati sono usciti dalla recessione, unendosi a quelli emergenti nello spingere l'economia globale fuori dalla crisi.

Il netto recupero del commercio mondiale è insieme l'effetto di questa coralità e la cinghia di trasmissione degli impulsi espansivi. Nuovi ordini e indicatori anticipatori puntano a ulteriori guadagni di Pil nei prossimi mesi, con il contributo chiave della ricostituzione delle scorte.

L'Italia, spiega Il Centro studi di Confindustria, ha agganciato il rilancio internazionale, come testimonia il deciso recupero della produzione industriale nel terzo trimestre, che diventerà più lento in autunno, stando alle attese delle imprese; le previsioni per il Pil migliorano sia nel 2009 (-4,5%) sia nel 2010 (oltre l'1%).

La caduta della produttività ha penalizzato i margini di profitto delle aziende manifatturiere tedesche, francesi e italiane, mentre quelle americane hanno adeguato rapidamente l'impiego di lavoro alla diminuzione del fatturato e sono pronte a riavviare gli investimenti; l'aggiustamento dell'occupazione frenerà il rilancio nell'Eurozona.

La rapida discesa del dollaro e il rialzo delle materie prime costituiscono allo stesso tempo una conferma della ritrovata fiducia nelle prospettive economiche mondiali e una nuova fonte di instabilità che minaccia il ritorno alla crescita in Eurolandia e Giappone. Ciò, conclude il Csc, renderà le scelte della Bce sui tassi di interesse ancora più caute. Anche perché la selettività del credito rischia di acuirsi proprio nei prossimi mesi, quando salirà il fabbisogno delle aziende e le banche saranno ancora più prudenti di fronte ai conti in rosso dei clienti.

17 ottobre 2009

 

 

 

 

Il deficit commerciale dell'Eurozona sale a 4 miliardi

16 ottobre 2009

"Dai nostri archivi"

Pil eurozona: Eurostat corregge al ribasso stime II trimestre a -0,2Subject:

Nell'Eurozona cresce il surplus commerciale

Istat, commercio estero: schizza oltre 2mila miliardi il surplus di luglio

Usa, deficit commerciale ai massimi da 16 mesi

Eurozona, vendite in calo. Indice Pmi meglio del previsto

Il deficit della bilancia commerciale dell'eurozona con il resto del mondo ad agosto è stato pari a 4 miliardi di euro. È la prima stima diffusa da Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione Europea. A luglio si era invece registrato un surplus di 12,3 miliardi di euro. Un anno fa, ad agosto 2008, il deficit della bilancia commerciale dei 16 paesi dell'euro era pari a 11,3 miliardi. Tra luglio e agosto 2009, le esportazioni sono calate del 5,8% e le importazione dell'1,3% (dati destagionalizzati).

Guardando all'Ue a 27 stati membri, la stima Eurostat indica un deficit ad agosto pari 12,1 miliardi di euro con i paesi terzi, mentre a luglio c'era stato un leggero surplus di 0,6 miliardi di euro. Ad agosto 2008 il deficit commerciale dei 27 è stato pari 23,4 miliardi di euro. Tra luglio ed agosto 2009, le esportazione dei Ventisette sono calate del 4,2%, le importazione dell'1,4%. Quanto all'Italia, Eurostat per il periodo gennaio-luglio 2009 registra un deficit commerciale di 0,1 miliardi di euro, contro i 5,2 miliardi di euro dello stesso periodo del 2008.

Stando ai singoli comparti, nel periodo gennaio-luglio 2009 è calato rispetto allo stesso periodo del 2008 il deficit dell'Ue nel suo complesso nel settore energetico (da 227,7 miliardi di euro a 132,6 miliardi). In calo il surplus per macchinari e veicoli (da 90,9 miliardi di euro a 61,3 miliardi). Aumenta invece il surplus per i prodotti chimici (da 45,1 miliardi di euro a 47 miliardi). Quanto ai paesi, nei primi sette mesi del 2009 è calato il surplus dell'Ue nei confronti degli Usa rispetto allo stesso periodo del 2008 (da 38,4 miliardi di euro a 22,4 miliardi). In calo però anche il deficit commerciale nei confronti della Cina (da 87,2 miliardi di euro a 75,2 miliardi), della Russia (da 47,9 miliardi di euro a 24,5 miliardi), del Giappone (da 20,3 miliardi di euro a 11,7 miliardi di euro) e della Corea del Sud (da 7,2 miliardi di euro a 6,9 miliardi di euro).

16 ottobre 2009

 

 

 

 

 

 

Istat: ad agosto deficit in calo a 1,35 miliardi

16 ottobre 2009

Il deficit commerciale dell'Eurozona sale a 4 miliardi

Il comunicato dell'Istat

Serie storiche

Il deficit della bilancia commerciale italiana si è attestato ad agosto a 1.348 milioni di euro, in calo rispetto ai 2.151 milioni segnati nello stesso mese del 2008. In forte difficoltà, segnala l'Istat, le esportazioni, che hanno registrato una riduzione del 25% su base annua a quota 16.444 milioni. Le importazioni sono invece scese del 26,1% a 17.792 milioni.

Il deficit nei confronti dei paesi della sola Unione europea è risultato ad agosto pari a 378 milioni contro i 60 milioni di un anno prima. Le esportazioni sono diminuite del 24,8% su base annua a 8.758 milioni, mentre le importazioni sono calate del 22% a 9.136 milioni.

Tra gennaio e agosto, la bilancia commerciale italiana segna un deficit di 1.414 milioni, in forte miglioramento rispetto ai 7.304 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. Complessivamente le esportazioni sono diminuite del 23,8% e le importazioni del 25,4%. Esclusi i prodotti energetici, nei primi 8 mesi dell'anno l'Italia registra un surplus di 25,8 miliardi a fronte dei 35,2 miliardi di attivo segnati nello stesso periodo del 2008.

16 ottobre 2009

 

 

 

 

AVVENIRE

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.avvenire.it

2009-03-13

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA STAMPA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.lastampa.it/redazione/default.asp

2009-03-13

 

 

 

 

 

LA GAZZETTA del MEZZOGIORNO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_homepage_03.php?IDCategoria=1

2009-03-13

 

 

 

 

IL GIORNALE

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.ilgiornale.it/

2009-03-13

 

 

 

 

L'OSSERVATORE ROMANO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.vatican.va/news_services/or/home_ita.html

2009-03-13

 

 

 

IL MATTINO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.ilmattino.it/

2009-03-13

 

 

 

 

La GAZZETTA dello SPORT

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.gazzetta.it/

2009-03-13

 

 

 

 

 

CORRIERE dello SPORT

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.corrieredellosport.it/

2009-03-13

 

 

 

 

 

 

L'ESPRESSO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://espresso.repubblica.it/

2009-03-13

 

 

 

 

PANORAMA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.panorama.it/

2009-03-13

 

 

 

 

FAMIGLIA CRISTIANA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.italysoft.com/news/famiglia-cristiana.html

http://www.sanpaolo.org/fc/default.htm

2009-03-13

 

 

SORRISI e CANZONI

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.sorrisi.com/sorrisi/home/index.jsp

2009-03-13

 

 

 

 

 

PUNTO INFORMATICO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.italysoft.com/news/il-punto-informatico.html

2009-03-13

 

 

 

 

 

EUROPA QUOTIDIANO

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.europaquotidiano.it/site/engine.asp

2009-03-13

 

 

 

 

 

 

 

WALL STREET ITALIA

per l'articolo completo vai al sito internet

http://www.wallstreetitalia.com/

2009-03-13

 

 

 

 

 

 

 

IL SECOLO XIX

http://ilsecoloxix.ilsole24ore.com/

LIBERO

http://www.libero-news.it/

IL MONDO

http://www.ilmondo.rcs.it/

MILANO FINANZA

http://www.milanofinanza.it/

MOMENTO SERA

http://www.momentosera.it/home.php

ITALIA OGGI

http://www.italiaoggi.it/

LA NAZIONE

http://www.momentosera.it/home.php

IL FOGLIO

http://www.ilfoglio.it/

 

IL MANIFESTO

http://www.ilmanifesto.it/

 

 

 

 

 

 

WIKIPEDIA

per l'articolo completo vai al sito Internet

http://www.wikipedia.it

 

GENTE VIAGGI

http://www.genteviaggi.it/

AUTO OGGI

http://www.inauto.com/speciali/autooggi/index.html

QUATTRO RUOTE

http://www.quattroruote.it/

INTERNAZIONALE

http://www.internazionale.it/home/

 

 

ARCHEOLOGIA VIVA

http://www.archeologiaviva.it/

AUDIO REVIEW

http://www.audioreview.it/

IL FISCO

http://www.ilfisco.it/

STAR BENE

http://www.starbene.it/

ABITARE

http://abitare.it/

BRAVA CASA

http://atcasa.corriere.it/

DONNA MODERNA

http://www.donnamoderna.com/home/index.jsp

SECONDA MANO

http://www.secondamano.it/

PC WORLD

http://www.pcworld.it/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FINANCIAL TIMES

http://www.ft.com/home/europe/

EL PAIS

http://www.elpais.com/global/

 

LE MONDE

http://www.lemonde.fr/

THE NEW YORK TIMES

http://www.nytimes.com/

THE WALL STREET JOURNAL

http://europe.wsj.com/home-page

MAIL & GUARDIAN

http://www.mg.co.za/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai alla HOME PAGE

Edito in Proprio e Responsabile STUDIO TECNICO DALESSANDRO GIACOMO

Responsabile Per. Ind. Giacomo Dalessandro

Riferimaneti Leggi e Normative : Michele Dalessandro - Organizzazione, impaginazione grafica: Francesca Dalessandro